Si può arrestare un bot?

Il sequestro da parte delle autorità di oggetti acquistati casualmente da un software nel Deepweb risolleva questioni sulla libertà di espressione e sulla responsabilità giuridica di programmi progettati per decidere in modo autonomo.

1421421570_KHStGallen_Darknet_2014-10_MG_3286_HighRes_FF-600x335

Continua a leggere Si può arrestare un bot?

Annunci

In the Future, Your Drug Dealer Will Be a Printer

6b1fd6f5a965551874b01a414c1844f6

Scoring drugs is one of life’s great pains in the ass. Either a friend knows some guy who lives in some dodgy neighborhood full of people sharpening their dog’s teeth on park swings. Or you get them off some random in a club whose entire body is an event horizon for his giant pupils.

But don’t worry, it won’t always be this way. Scientists are working on a solution. That solution is 3D printed drugs. Instead of having to go and get drugs from the scary outside world you’ll be able to print custom drugs adapted to whatever your needs are, right there at home, in your bedroom. Surrounded by empty takeaway containers and a cat that will be stoned forever because everyone knows that cats can’t release THC.

Continua a leggere In the Future, Your Drug Dealer Will Be a Printer

Gli psiconauti provano tutte le droghe che non vorreste mai provare

67767ad2986a757b81ddef16fc43eee3

Se siete in cerca di un nuovo hobby e vi piacerebbe provare droghe di nuova sintetizzazione prima di chiunque altro al mondo, perché non diventare uno psiconauta? Registratevi, e sarete in grado di sballarvi con sostanze che non sono ancora state nemmeno regolamentate. Sembra un’idea idiota e molto pericolosa, ma almeno non finirete in galera, perché lo starete facendo per la “ricerca”.

In generale, gli psiconauti sembrano dividersi in due campi. Una parte dice di testare i prodotti con lo scopo di documentare gli effetti delle droghe e valutare se è sicuro utilizzarle. L’altra (più tendente all’esagerazione) ritiene che essere uno psiconauta abbia a che fare più che altro con l’esplorazione delle frontiere della mente.

Tra le designer drug troviamo 25I-NBOMe, JWH-018 e la dimetocaina, in alcuni casi dimostratesi più pericolose di quelle che vorrebbero sostituire—ovvero, rispettivamente, LSD, erba e cocaina. Il 25I-NBOMe, per esempio, si misura in microgrammi, rendendo impossibile verificarne la quantità da assumere a occhio nudo e avendo causato nello scorso anno cinque morti per dosaggio improprio.

Nonostante i rischi, su Erowid (un sito dedicato alle sostanze psicoattive) sono parecchi i “consumatori responsabili” pronti a dichiarare che le nuove droghe che stanno testando sono divertenti, almeno fino a che non impazzisci e inizi ad abusarne. Ho contattato un paio di psiconauti su Erowid e ho chiesto loro perché hanno deciso di trasformarsi in cavie da laboratorio per permettere a chiunque di comprarsi un po’ di strana polvere su internet.

Continua a leggere Gli psiconauti provano tutte le droghe che non vorreste mai provare

Come ho fatto 300 milioni di dollari con il narcotraffico. Il caso Brian O’Dea

443829426_1280x720

Dal 1972 alla fine degli anni Ottanta, Brian O’Dea è stato uno dei più grandi narcotrafficanti del mondo. Continua a leggere Come ho fatto 300 milioni di dollari con il narcotraffico. Il caso Brian O’Dea

Meet The Dread Pirate Roberts, The Man Behind Booming Black Market Drug Website Silk Road

Screen-Shot-2013-08-14-at-11.20.41-AM

Continua a leggere Meet The Dread Pirate Roberts, The Man Behind Booming Black Market Drug Website Silk Road

Bitcoin: due arresti per riciclaggio su Silk Road

La valuta digitale è una forma di transazione anonima, che offre nascondigli ai suoi utilizzatori e potrebbe essere usata per finanziare il terrorismo. Così, pochi giorni fa, il segretario Usa al Tesoro, Jack Lew e il numero uno di JP Morgan, Jamie Dimon, hanno lanciato l’allarme sul rischio che i Bitcoin rappresentano.  Continua a leggere Bitcoin: due arresti per riciclaggio su Silk Road

L’ e-commerce della droga? Funziona, vi spieghiamo come

Come Scampia, più di Scampia. C’è una piazza di spaccio aperta 24 ore su 24, sette giorni su sette, dove migliaia di pusher vendono, impuniti, qualsiasi tipo di droga. Possibile? Sì, possibile. Provare per credere.

Il Paese dei balocchi per tossici è un sito internet. Si chiama «Silk Road», via della seta. Intendiamoci: arrivarci non è facile. Questo ebay della droga all’apparenza non esiste: se si digita l’indirizzo sul browser non si ottiene nulla. Ma il sito esiste, eccome. Continua a leggere L’ e-commerce della droga? Funziona, vi spieghiamo come